Agrigento, fuga di notizie e calunnia: comandante dei carabinieri assolto perché fatto non sussiste

2' di lettura 24/05/2023 - (Adnkronos) - E' stato assolto perché il fatto non sussiste il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, colonnello Vittorio Stingo, accusato dalla Procura della città dei templi di una presunta fuga di notizie, tutta interna all'Arma, e di calunnia nei confronti di un collega del Ros di Palermo, che non si è costituito parte civile.

Il gup Micaela Raimondo ha emesso una sentenza assolutoria con formula piena. L'ufficiale è alla guida del Comando provinciale di Agrigento da circa tre anni, durante i quali ha raggiunto numerosi risultati operativi sia in termini di contrasto alla criminalità mafiosa e comune che nel supporto alla popolazione. Il procuratore facente funzioni Salvatore Vella e il pm Maria Barbara Grazia Cifalinò avevano chiesto la sua condanna per rivelazione di segreto d'ufficio, insieme ad altri due ufficiali Augusto Petrocchi, capitano della compagnia dell’Arma di Licata, e il capitano Carmelo Caccetta, ex comandante del Nucleo operativo radiomobile della stessa compagnia - anche loro assolti con la stessa formula -, nell'ambito di un'indagine avviata dall’allora capo della Dda di Palermo, Francesco Lo Voi.

L'indagine la scorsa estate ha portato all'arresto di un maresciallo dei carabinieri, all'epoca dei fatti in servizio alla Compagnia di Licata, accusato di un giro di tangenti. Secondo l'accusa la presunta fuga di notizie, avvenuta verso lo stesso Petrocchi e finalizzata al trasferimento del maresciallo 'infedele', avrebbe rischiato di compromettere l'indagine. Una tesi che il gup di Agrigento non ha accolto. "L'accusa al mio assistito era un attacco a un ufficiale pluridecorato. Il colonnello Stingo non ha commesso alcun reato", ha detto l'avvocato Salvatore Pennica, difensore del comandante provinciale. Il colonnello Stingo, a cui sono arrivate attestazioni di solidarietà e vicinanza dalle istituzioni ma anche dai 'suoi' carabinieri, non ha voluto commentare la sentenza. "L'Arma continuerà ad affrontare a testa alta il crimine, avendo dimostrato nei secoli di essere in grado di sapersi autoregolare e disciplinarsi", spiegano dal Comando provinciale dei carabinieri di Agrigento.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 24-05-2023 alle 18:00 sul giornale del 25 maggio 2023 - 36 letture

In questo articolo si parla di attualità, adnkronos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d0J3





logoEV
qrcode