La teca con la reliquia del beato Livatino al ministero della Giustizia

1' di lettura 20/01/2023 - ROMA - È giunta anche al ministero della Giustizia la 'Peregrinatio Beati Rosarii Livatino - Fidei et Justitiae Martyris', evento voluto dalla Venerabile Arciconfraternita di Santa Maria Odigitria dei Siciliani in Roma, che ha curato l’esposizione della venerata reliquia del magistrato siciliano Rosario Angelo Livatino, primo magistrato beato nella storia della Chiesa cattolica.

Si tratta della camicia che il magistrato aveva indosso quando fu ucciso. Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, assieme ai vertici dell’Amministrazione, ha accolto la reliquia nella sala del Ministero dedicata al magistrato. Durante una cerimonia laica, riferendosi a lui come “collega”, il Guardasigilli ha tracciato brevemente il profilo del giudice agrigentino, assassinato dalla mafia il 21 settembre 1990 a 37 anni: “Le spoglie, l’esperienza e la tragica fine ci dimostrano che anche in questo mondo c’é spazio per coniugare la fede nell’uomo con la fede nella giustizia divina”.

Dal 14 gennaio, la teca con la camicia che il magistrato indossava il giorno in cui subì l’attentato mentre si recava al lavoro, è stata accolta nei luoghi delle massime istituzioni del Paese, tra cui la Camera, il Senato, la Cassazione e il Consiglio superiore della magistratura. Questa sera alle 20:30 nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, il Guardasigilli terrà un’orazione prima del concerto “Beatus vir - Vespri per un martire”.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 21-01-2023 alle 10:00 sul giornale del 21 gennaio 2023 - 40 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dOhS





logoEV
qrcode