SEI IN > VIVERE SICILIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Solunto, riapre la necropoli punica. Amata: "Recuperare l'identità dei territori"

2' di lettura
54

La necropoli punica di Solunto, che ricade all'interno del territorio di Santa Flavia, nel Palermitano, è stata riaperta al pubblico e torna a essere visitabile dopo oltre 15 anni di abbandono.

La zona accoglie circa 220 sepolture scavate nella roccia calcarenitica che sono state portate alla luce alla fine dell'Ottocento da Antonino Salinas e da Francesco Saverio Cavallari, in occasione dei lavori per il tracciato della linea ferroviaria.

«La riapertura dell'area della necropoli di Solunto - sottolinea l'assessore regionale dei Beni culturali e dell'identità siciliana, Elvira Amata - assume un significato particolare perché rappresenta un momento di recupero dell'identità di un territorio. La riappropriazione di un bene culturale, che vede l'intera comunità partecipare attivamente, è un'occasione straordinaria di recupero del passato e di costruzione di una nuova narrazione. I parchi archeologici devono sempre più agire da catalizzatori dell'offerta culturale creando le condizioni perché possa svilupparsi un'economia locale sostenibile e ricettiva nei confronti di una domanda sempre più attenta ai dettagli».

Gli interventi di ripristino, effettuati grazie all'accordo tra il Parco archeologico di Himera, Solunto e Monte Iato e il Gal Metropoli Est, diretto da Salvatore Tosi, hanno coinvolto la Caritas di Bagheria con alcuni giovani che stanno scontando la pena detentiva alternativa e il Comune di Santa Flavia. I lavori di ripristino del sito sono stati condotti sotto il controllo degli archeologi Emanuele Tornatore, della società Walk About e Laura Di Leonardo, funzionaria del parco.

«Il successo dell'iniziativa che ha visto all'inaugurazione un grandissimo numero di visitatori - sottolinea il direttore del parco, Domenico Targia - va esteso al Comune di Santa Flavia che ha contribuito alla pulizia straordinaria dell'intero quartiere in cui ricade la necropoli e con il quale è già in corso una preziosa collaborazione per una maggiore valorizzazione dei luoghi».



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-01-2023 alle 10:32 sul giornale del 11 gennaio 2023 - 54 letture






qrcode