Ragusa: sorpresi a rubare nell'area archeologica di Kamarina, quattro denunciati

1' di lettura 11/10/2021 - Una banda composta da quattro persone è stata fermata nella notte tra sabato e domenica dai carabinieri di Santa Croce e Ragusa Ibla dopo che avevano saccheggiato alcuni reperti scavando abusivamente nell'area archeologica di Kamarina.

La scoperta nel corso di un normale servizio notturno di controllo del territorio: i militari hanno notato la presenza di un paio di auto parcheggiate poco distanti dal sito archeologico del VI secolo avanti Cristo e data l'ora tarda si sono insospettiti appostandosi nelle vicinanze. A quel punto hanno scoperto i quattro intenti a scavare e a scandagliare il terreno con dei metal detector, decidendo di fermarli sulla via del ritorno. Recuperato il bottino della nottata: alcune monete antiche e piccoli utensili in metallo verosimilmente di epoca greca che sono stati sequestrati insieme con gli strumenti usati dalla banda. I quattro, residenti tra le province di Catania e Ragusa, sono stati denunciati in stato di libertà. Nei prossimi giorni verranno effettuate ulteriori perizie sulla refurtiva in collaborazione con il Museo di Kamarina e la Sovrintendenza ai Beni culturali di Ragusa per una datazione ed una stima più precise dei reperti recuperati.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 11-10-2021 alle 17:23 sul giornale del 12 ottobre 2021 - 116 letture

In questo articolo si parla di cronaca, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cnNH





logoEV