Viviana e Gioele, la procura chiede l'archiviazione. La ricostruzione del caso

4' di lettura 29/07/2021 - Viviana Parisi si è suicidata dopo la morte del figlioletto Gioele Mondello e il bimbo sarebbe stato ucciso dalla madre, anche se su quest'ultimo punto non c'è certezza assoluta. È questa la conclusione a cui sono giunti gli investigatori che hanno condotto le indagini sul giallo di Caronia.

La Procura di Patti ha chiesto al gip l’archiviazione dell’inchiesta sulla morte di Viviana Parisi, la deejay di 41 anni trovata morta l’8 agosto 2020 nei boschi di Caronia, e del figlio Gioele Mondello, di soli 4 anni, il cui corpo è stato rinvenuto il 19 agosto nella stessa zona. Inoltre è stata autorizzata la restituzione delle salme per poter finalmente celebrare i funerali, a quasi un anno dalla loro scomparsa.

La ricostruzione del caso

Nella richiesta inviata al gip il procuratore titolare dell'inchiesta, Angelo Cavallo, ricostruisce la morte della dj e del bambino nelle campagne di Caronia, escludendo la responsabilità di soggetti terzi o animali. "È possibile affermare con assoluta certezza - spiega - come nella vicenda in esame non sia configurabile alcuna responsabilità dolosa o colposa, diretta o indiretta, a carico di soggetti terzi".

"L'intera vicenda, in realtà, è ascrivibile in modo esclusivo" "al comportamento ed alle condotte poste in essere da Viviana Parisi e al suo precario stato di salute, purtroppo non compreso sino in fondo, in primo luogo da parte dei suoi familiari più stretti".

Secondo la procura le indagini hanno dimostrato che la donna "subito dopo l’incidente in galleria, una volta uscita dall’autovettura e recuperato Gioele, si sia volontariamente allontanata insieme al suo bambino dalla sede autostradale, nascondendosi tra la fitta vegetazione esistente sul bordo autostradale, non rispondendo ai richiami delle persone che pure la stavano cercando".

La morte di Viviana Parisi

La morte della dj “deve essere collocata all’interno di un arco temporale compreso, al massimo, tra le ore 12 e le ore 20 del giorno stesso della sua scomparsa, cioè il 3 agosto 2020, dunque a ridosso e nell’immediatezza dei fatti”.

Il procuratore spiega che le indagini tecniche hanno permesso di accertare “senza ombra di alcun dubbio” che Viviana Parisi si è uccisa, si è “lanciata dal traliccio dell’alta tensione, con chiaro e innegabile intento suicidario“.

La morte di Gioele Mondello

Mentre non si è arrivati ad una certezza assoluta sulle cause della morte di Gioele Mondello. Il piccolo sarebbe morto il 3 agosto 2020 tra le 12 e le 20, “in piena coincidenza temporale con la morte della madre”. Esclusa come causa della morte l’incidente stradale avvenuto prima della scomparsa, come anche l’avvelenamento. Gli accertamenti medico-legali ed entomologici-veterinari hanno inoltre escluso che il bimbo sia stato attaccato da animali selvatici. Dai rilevamenti sono emersi solo i morsi di una volpe rossa, avvenuti dopo la morte del piccolo.

Secondo la procura la tesi più probabile è che sia stata la donna ad uccidere il figlioletto. Viviana Parisi, spiega il pm, "si è rifugiata nel bosco di Pizzo Turda perché riteneva di dover scappare da inesistenti aggressori o perché temeva che il marito potesse toglierle la potestà genitoriale“, viene spiegato dal procuratore Angelo Vittorio Cavallo.

Due gli scenari possibili per la morte del piccolo Gioele. “Secondo il primo scenario, Viviana Parisi, una volta rifugiatasi all’interno del bosco di Pizzo Turda con Gioele, ha constatato come il bambino fosse deceduto e dunque, convinta di avere causato con la sua condotta irrazionale tale situazione, in preda a un’insopportabile angoscia, si è tolta la vita”. Nel secondo scenario la donna “giunta nel bosco di Pizzo Turda insieme a Gioele, ha commesso un figlicidio di tipo psicotico o altruistico, ponendo fine ella stessa alla vita del figlio”.

"L’ipotesi dell’infanticidio commesso da Viviana - sottolinea il procuratore - alla luce dell’indubbio carattere residuale dell’altro scenario (morte di Gioele causata da una lesione interna, da un colpo di calore, per sete), continua a rimanere la tesi più probabile e fondata".

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2021 alle 19:14 sul giornale del 30 luglio 2021 - 118 letture

In questo articolo si parla di cronaca, marco vitaloni, articolo, viviana parisi, caronia, gioele mondello

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ccHl





logoEV