Catania: uccise la sorella che tradiva il marito, arrestato il figlio del boss Alleruzzo

1' di lettura 04/06/2021 - Risolto il caso di Nunzia Alleruzzo, figlia di uno storico boss mafioso di Paternò: i carabinieri di Catania hanno arrestato per omicidio il fratello Alessandro

Secondo gli investigatori l'uomo, 47 anni, avrebbe ucciso la sorella per riscattare l'onore della famiglia, perché la donna tradiva il marito con esponenti del suo clan e di uno rivale. I due fratelli sono figli del defunto boss Giuseppe Alleruzzo, che negli anni '70 e '80 guidava il gruppo mafioso di Paternò, legato alla 'famiglia' Santapaola di Catania.

La donna era scomparsa di casa il 30 maggio 1995. Il figlio di 5 anni disse di averla vista uscire di casa con suo zio Alessandro. Nel 1998, dopo due telefonate anonime, i carabinieri di Paternò trovarono in un pozzo i resti di una donna, compreso un teschio con due fori causati da colpi di arma da fuoco, ritenuti quelli di Nunzia Alleruzzo.

La dinamica e il movente dell'omicidio sono stati ricostruiti grazie alle recenti dichiarazioni di tre pentiti di mafia, Francesco Bonomo, Antonino Giuseppe Caliò e Orazio Farina.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 04-06-2021 alle 12:47 sul giornale del 05 giugno 2021 - 122 letture

In questo articolo si parla di cronaca, omicidio, mafia, paterno, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b5Qj





logoEV