Ragusa: contributi per ammodernare le serre, truffa alla Ue. Sequestri per 2,7 milioni di euro

guardia di finanza 2' di lettura 28/05/2021 - Ottengono fondi per l'ammodernamento di strutture agricole nella zona di Vittoria, ma nessun lavoro sarebbe stato eseguito: 15 indagati, 6 aziende coinvolte. Sequestrati dalla guardia di finanza beni per 2,7 milioni di euro

La guardia di finanza di Ragusa ha sequestrato beni per 2,7 milioni di euro nell'ambito di un'indagine su un'organizzazione che avrebbe ottenuto illecitamente finanziamenti comunitari tra il 2013 e il 2018 per l'impianto e l'ammodernamento di strutture agricole nel Vittoriese. Quindici le persone indagate a vario titolo nel fascicolo aperto dalla procura, con il coinvolgimento di sei aziende agricole utilizzate per accedere indebitamente ai fondi che l’Unione Europea mette a disposizione per lo sviluppo del settore in attuazione del 'Programma di sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007/2013 - Misura 121'.

A cinque indagati sono contestati i reati di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dell'UE, uso ed emissione di fatture false, bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio: si tratta di imprenditore agricolo 64enne di Vittoria, due sue figlie, suo genero e un perito agrario. Gli altri indagati sono piccoli imprenditori che si sono prestati ad agevolare la truffa e quattro funzionari ed un dirigente dell'Ispettorato provinciale Agrario di Ragusa, incaricati di procedere ai controlli per constatare lo stato dei lavori, in realtà mai realizzati.

Le indagini erano partite da una relazione dell’AGEA inviata in Procura, nella quale venivano segnalate incongruenze in merito alle domande di accesso ai finanziamenti presentate da alcune società agricole che avevano ottenuto i contributi Ue. Dagli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle è emersa l'esistenza di un sodalizio criminale promosso dall'imprenditore di Vittoria che, tramite numerose società agricole riconducibili a lui o ai suoi familiari, attraverso un complesso sistema di false dichiarazioni e fatture per operazioni inesistenti, ha ottenuto indebitamente quasi 2 milioni di euro di contributi europei, grazie anche alla condotta compiacente di diversi funzionari dell’ispettorato Provinciale Agrario di Ragusa.

Al termine delle indagini il gip, su richiesta della procura, ha emesso la misura cautelare del sequestro preventivo. I militari della guardia di finanza hanno sequestrato denaro contante, 19 immobili, 14 terreni, 6 società agricole e una di riciclo plastica, una holding, 13 orologi di lusso e oggetti preziosi per un totale di 2,7 milioni di euro.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 28-05-2021 alle 12:19 sul giornale del 29 maggio 2021 - 122 letture

In questo articolo si parla di cronaca, truffa, guardia di finanza, vittoria, marco vitaloni, articolo





logoEV