Covid, focolaio a Capizzi dopo una festa: l'allarme del sindaco

2' di lettura 02/01/2021 - Sono 53 i casi accertati di coronavirus a Capizzi, piccolo paese di tremila abitanti del Messinese. Ma il dato dei contagi è destinato a salire, si attende l'esito di decine di tamponi.

Alla base del focolaio, sulla cui origine stanno indagando le forze dell'ordine, una festa di compleanno con oltre un centinaio di partecipanti che si è tenuta lo scorso 20 dicembre in un locale nella vicina Nicosia (Enna). Alla festa hanno partecipato numerosi giovani di Capizzi, che avrebbero poi trasmesso il contagio all'interno delle rispettive famiglie. Intanto nel piccolo centro dei Nebrodi è deceduto per il Covid-19 un uomo di 68 anni.

"Purtroppo - ha detto su Fb il sindaco Leonardo Giuseppe Principato Trosso - abbiamo registrato l’ennesimo decesso per Covid nella nostra comunità. Un cittadino che osservava tutte le norme, eppure neanche questa diligenza ha potuto fare nulla nei confronti di questo terribile virus che lo ha travolto in pochi giorni. Io già intravedevo l’ipotesi che positivi asintomatici, ignari di tale circostanze, girassero per la nostra comunità rappresentando una minaccia. Qualcuno gridava al terrorismo psicologico, altri al procurato allarme e invece era la pura realtà, frutto di un’analisi e di uno studio approfondito".

"Stiamo facendo i conti - ha spiegato - con una situazione che parte da lontanola vera colpa è di chi si è comportato irresponsabilmente conducendo una vita normalissima nonostante le regole da seguire. In molti hanno nascosto i sintomi facendo vinta che il virus non esistesse e non sottoponendosi ai tamponi. La festa di compleanno non andava sicuramente fatta anche se all'epoca la legge lo consentiva essendo in zona gialla, ma è stata solo la ciliegina sulla torta visto che avevamo già 18 positivi. Stiamo pagando per colpa di chi si è comportato in modo spregiudicato e questa cosa mi ha molto amareggiato".

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2021 alle 13:27 sul giornale del 04 gennaio 2021 - 185 letture

In questo articolo si parla di cronaca, marco vitaloni, focolaio, articolo, covid-19, capizzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bHLW